Logo ossola news big copia

A Croveo, aperitivo di benvenuto per le ragazze nigeriane.

IMG 3062

CROVEO - Si chiamano Favour e Chiamaka e hanno rispettivamente tre mesi e due anni, sono arrivate in Italia su un barcone della speranza con le loro mamme, Mimi 21 anni e Aminat 24 anni, poco più che ragazzine pure loro, seppure con responsabilità già così grandi sulle spalle.

C'è anche una zia, o presunta tale, le parentele in Africa sono dettate anche dagli affetti, non solo dalla consanguineità, si chiama Maria ed è la più grande del gruppo, ha 30 anni. A loro si è unita Becky, 23 anni, arrivata a Domodossola nel mese di luglio, è stata spostata a Croveo per aiutare le compagne nel processo di integrazione, lungo e non senza fatiche, sebbene il peggio, forse, queste giovani donne se lo siano lasciate alle spalle partendo dalla Nigeria e affrontando il viaggio che le ha condotte fin qui, in un piccolo paese di poche anime sulla punta estrema del Piemonte. Il loro arrivo, risalente al 24 settembre, aveva destato qualche perplessità nella gente e anche qualche malumore, dettati più dalla paura, che spesso anche i media, nazionali e locali, contribuiscono a scatenare e dalla scarsa conoscenza, dovuta forse al mancato preavviso dell'ospitalità più che dall'ostilità nei confronti delle ragazze. Ma questa pare essere ormai acqua passata. Di fatto, la generosa iniziativa dei coniugi Buccellati, Giorgio e Marylin, architetti di fama mondiale e professori all'Università della California, di organizzare un aperitivo di benvenuto per le nuove arrivate, ha trovato largo consenso e buona parte del paese si è riunito nel bar cooperativa dove è stato possibile sapere qualcosa in più delle ragazze e conoscerle di persona. Dopo la presentazione fatta da Matteo De Giuli, giovane ossolano che segue il gruppo di Croveo per conto della Coperativa La Bitta di Domodossola, Mimi, Aminat, Becky e Maria si sono a loro volta presentate e hanno ringraziato, visibilmente commosse per il caloroso benvenuto, i presenti, augurando loro ogni bene. Mimi ha anche aggiunto di non aver mai ricevuto in tutta la vita un'accoglienza simile. Il sindaco Costa ha poi portato i saluti del Comune di Baceno, dicendo di essere sempre stato sicuro che il paese avrebbe saputo dare una risposta positiva all'accoglienza. La signora Marylin Buccellati ha voluto sottolineare quanto siano speciali gli abitanti di Croveo, piccola frazione di Baceno.

Foto Giuseppe Gallacci

Ultimo aggiornamento (Martedì 08 Novembre 2016 10:33)

 

Ultime OssolaNews

Meteo
No Image Selected

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information